2021-02-04

L’indagine su come l’entourage di Aleksandr Lukashenko guadagna sui russi

4 febbraio 2021 | Olga Churakova, Aliaksandr Yarashevich, Olga Ratmirova, Stas Ivashkevich, proekt.media
Belarusian products. Expensive
Source: proekt.media

La Russia perde ogni anno miliardi di rubli per il contrabbando e la riesportazione delle merci dalla Bielorussia. Mosca chiude un occhio sul problema, consentendo alle società associate alle autorità bielorusse di fare soldi, hanno scoperto in un’indagine congiunta Proekt, BelSat e Naviny.by.

  1. Perché la Russia copre il contrabbando di sigarette?
  2. Come le autorità bielorusse guadagnano sul tabacco illegale
  3. Come la Bielorussia è diventata un paradiso dei fiori
  4. I veri beneficiari delle forniture di fiori

Come le autorità russe ignorano il contrabbando di sigarette

Nel settembre 2020, il primo ministro russo Mikhail Mishustin aveva annunciato un aumento senza precedenti delle accise sul tabacco – del 20%. «In una situazione difficile, tutti dovrebbero partecipare alla risoluzione dei problemi che devono affrontare il Paese e le persone», ha spiegato Mishustin. Oltre alla lotta contro il fumo, l’aumento delle accise aveva un altro obiettivo: raccogliere fondi per il tesoro prosciugato dalla crisi e dalla pandemia.

L’industria del tabacco gemeva: la decisione del governo ha significato un forte aumento del prezzo di un pacchetto legale – di circa 20 rubli. La quota di sigarette illegali in Russia è aumentata dallo 0,3% nel 2012 al 7% entro il 2020. Allo stesso tempo, la quota di sigarette illegali prodotte in Bielorussia è più della metà dell’intero mercato illegale – il 54%.

Perché è richiesto il tabacco illegale?

Gli esperti russi confrontano la politica commerciale dei paesi dell’Unione doganale con il contrabbando statale, perché quando è stata creata, la Russia ha affidato il controllo sulle merci importate ai suoi vicini. La Russia e la Bielorussia hanno aderito all’Unione doganale nel 2010 e nel 2011 tra i Paesi sono stati annullati i controlli sui trasporti, che sono stati trasferiti al confine esterno dell’Unione doganale. Ciò significa che è diventato possibile viaggiare dalla Russia alla Bielorussia e ritorno senza fermate e ispezioni delle auto.

Nel 2013-2014, la Russia ha iniziato, su raccomandazione dell’OMS, ad aumentare ogni anno le accise sul tabacco come parte della lotta contro il fumo, dopodiché i prezzi sono aumentati più volte, è iniziata una crisi economica, i redditi delle persone non aumentavano ed i fumatori hanno iniziato a cercare prodotti più economici. La differenza di tasse sulle sigarette tra la Russia ei suoi partner nell’UEE è così grande da provocare fenomeni di contrabbando. Secondo un sondaggio di VTsIOM (Centro studi dell’opinione pubblica della Russia) nel 2020, solo un fumatore su cinque era sicuro che le sigarette che fumava erano legali. E uno su quattro comprava deliberatamente le sigarette illegali: più spesso quelli che valutavano la loro situazione finanziaria come povera. Gli intervistati hanno indicato le accise elevate, i prezzi (46%) e il basso tenore di vita (41%) come i motivi principali della diffusione del tabacco di contrabbando. Più della metà degli intervistati ritiene che le misure esistenti per combattere il mercato illegale delle sigarette siano inefficaci (53%).

Perché le sigarette di contrabbando vengono importate dalla Bielorussia

Il prezzo delle sigarette in Bielorussia è il più basso dell’Unione doganale, circa 60 rubli per pacchetto contro i 120 della Russia. La situazione con l’aliquota delle accise sulle sigarette sembra simile (1308 rubli in Bielorussia contro 2805 rubli in Russia per mille pezzi). Il prezzo basso in Bielorussia è deliberatamente mantenuto dallo Stato – nel 2019 il presidente Lukashenko ha dato istruzioni per impedire un aumento dei prezzi del tabacco.

Allo stesso tempo, la Bielorussia ha avviato un’enorme produzione di tabacco, che supera il consumo interno di più di due o tre volte. Ora in Bielorussia ci sono tre fabbriche di tabacco: Neman di Grodno e Tabak-Invest e Inter Tobacco di Minsk.

Production of cigarettes at the Neman factory
Produzione di sigarette nella fabbrica Neman.
Source: grodnonews.by

Neman è la più antica impresa statale in Bielorussia, attiva dal XIX secolo. La fabbrica produce le sigarette principalmente nel segmento di prezzo inferiore con i propri marchi Credo, Minsk, NZ, Queen, Matrix, Magnat, Premier, Fest. Inoltre, producono le sigarette anche per British American Tobacco (Rothmans, Pall Mall, Kent, Vogue) e per Tobacco International Enterprises Limited (Oscar, Cooper, Velvet).

Tabak-Invest è una fabbrica privata di proprietà degli uomini d’affari Viktar Piatrovich e Pavel Tapuzidzis. Qui vengono prodotti sia i propri marchi che quelli in licenza. Infine, Inter Tobacco è la più giovane fabbrica privata. L’impresa è stata aperta lo scorso anno e fa parte del gruppo di società «Energo-Oil» controllate dall’imprenditore Aliaksei Aleksin. Anche questa fabbrica produce marchi propri e stranieri.

I nomi degli uomini d’affari elencati saranno importanti per la storia successiva.

Come viene organizzata la fornitura di sigarette di contrabbando alla Russia

Poco prima del capodanno, i doganieri della regione di Pskov hanno fermato un camion per un controllo. Secondo i documenti, l’autista trasportava mobili dalla Bielorussia all’indirizzo di un organizzazione di Mosca. Durante l’ispezione, i doganieri al posto dei mobili hanno trovato sigarette bielorusse per un valore di circa 1,5 milioni di rubli. Questo è uno degli schemi secondo cui lavorano i contrabbandieri: registrano le ditte nelle regioni di confine russe a Mosca, mentre lavorano effettivamente in Bielorussia.

The trailer of the truck stopped in the Pskov region
Cassone del camion fermato nella regione di Pskov.
Source: informpskov.ru

Le sigarette sono portate in Russia «a pezzi» (tabacco, involucro e pacchetto di cartone separatamente) o «assemblate», dice uno dei venditori trovati dal giornalista di Proekt sul social network Vkontakte. «In Russia si sta già effettuando la pressatura, il riempimento e il taglio dei pacchetti di cartone. I bolli sono una replica tipografica economica dell’originale. Il cartone e gli involucri non sono un problema. Portavamo il tabacco banalmente nei cuscini – racconta. Il venditore presume che la dogana russa sia coinvolta nello schema: dipendenti di medio e alto livello.

Uno dei modi più comuni di trasporto delle merci dalla Bielorussia è il cosiddetto «transito interrotto»: le compagnie bielorusse affermano di trasportare le sigarette in Kirghizistan, Kazakistan o Armenia, dove dovrebbero essere presumibilmente scaricate, sebbene queste non raggiungano mai la meta. Il camion entra con un carico di sigarette e documenti ufficiali, secondo i quali la merce viaggia verso un altro Paese, invece viene scaricata in Russia.

Il commercio a semi-ingrosso del contrabbando in Russia è organizzato in modo da vendere droga, quasi come su darknet, attraverso canali Telegram anonimi e gruppi su VKontakte. Nel dicembre 2020, c’erano almeno seicento di questi siti. È impossibile identificare i veri proprietari di tali gruppi e chat: nel profilo non ci sono nomi o foto reali, gli amministratori cambiano costantemente.

Per effettuare un acquisto sui canali Telegram, devi essere raccomandato agli amministratori, altrimenti i venditori spesso non si impegnano nemmeno in una conversazione. Uno degli interlocutori del Proekt su Vkontakte ha accettato di vendere al nuovo arrivato «per la prima volta» due scatole di sigarette prodotte in Bielorussia con e senza le accise: la spedizione attraverso la Russia doveva essere effettuata dall’azienda di trasporti Delovye Linii. Il venditore non ha risposto alla domanda su come vengono fornite le sigarette dalla Bielorussia, ma ha garantito la sicurezza del carico.

Oltre ai gruppi chiusi, le sigarette bielorusse possono essere trovate sui numerosi siti nella zona.ru, sebbene la vendita del tabacco su Internet sia vietata in Russia. Il corrispondente del Proekt, sotto le spoglie di un acquirente, ha messaggiato con uno dei venditori di un negozio online che offre sigarette bielorusse, kirghise, tagike e di altri produttori. Questo negozio aveva sia sigarette bielorusse senza accise che sigarette con accise (NZ, Korona, Minsk, Fest) e altri marchi che sono tradizionalmente richiesti in una categoria di prezzo basso. Tutto l’anno 2020 gli avvocati della ditta Gorodissky and Partners commissionata dalle aziende del tabacco hanno cercato e bloccato tali risorse Internet. Il numero di siti Web è diminuito di quattro volte, ma tale commercio si è esteso agli account Instagram. Ce ne sono dieci volte di più.

Citiamo il testo di una corrispondenza tra il nostro giornalista e il venditore:

correspondence between our correspondent and the seller
Corrispondenza del giornalista di Proekt con il venditore.
Source: proekt.media

Olya: Alexander, buona sera! Volevo ordinare del tabacco, mi sa dire, in che modo lo portate dalla Bielorussia? Con quali compagnie di trasporto?
Alexander: Spediamo in tutta la Federazione Russa con Delovye Linii
Olya: E anche da Grodno lo porta Delovye Linii, giusto?
Alexander: Mi sembra che da Grodno arrivi in aereo.
Olya: Anche se ordiniamo 100-150 scatole?
Alexander: Dove ne ha bisogno? Quale città?
Olya: Nella regione di Tver. Cioè, dove atterra l’aereo? Non abbiamo un aeroporto lì.
Alexander: Ecco le compagnie di trasporto, in tutta la Federazione Russa. Comunque, i carichi arrivano nella vostra città.
Olya: Ahh, ho capito. È sicuro che arrivino senza pericolo in aereo? È un volo di linea, lo sa? Mi scuso per le domande stupide, è la prima volta che compilo i documenti e i proprietari sono molto preoccupati per la sicurezza.
Alexander: Le merci sono già in Russia, sono già state portate da Grodno: è per lei, per informazione. Spediamo in tutta la Russia con Delovye Linii.

Da parte russa, nel contrabbando sono coinvolti principalmente piccoli attori, risulta dalle conversazioni di Proekt con i contrabbandieri: «Ci sono piccoli magazzini regionali, e più in là nei punti vendita nelle provincie quelli che non sono contrari a fare soldi velocemente per comprare un’auto economica». Secondo lui, puoi vendere la merce in sicurezza senza attirare l’attenzione delle autorità, se il fatturato non supera i 5-7 milioni di rubli. «Se gli importi sono più alti, non vengono trattenuti sui portafogli digitali e devono essere trasferiti alla banca, e questo sta già diventando visibile a tutte le persone interessate delle strutture [di controllo]» aggiunge.

Il corrispondente di Proekt ha potuto facilmente acquistare merce di contrabbando bielorussa nel centro di Mosca: le sigarette con accise e senza erano vendute in diversi chioschi di tabacco al prezzo di 70-80 rubli al pacchetto. Alla domanda su chi fornisse le sigarette, uno dei venditori ha risposto che presumibilmente aveva acquistato le merci al più grande mercato all’ingrosso di Mosca: Food City. È di proprietà del gruppo d’imprese degli uomini d’affari God Nisanov e Zarakh Iliev.

Chi guadagna con le sigarette in Bielorussia

A differenza della Russia, dalla parte bielorussa ci sono grandi beneficiari del tabacco illegale. Quando nel 2020 è stata costruita la fabbrica Inter Tobacco, il presidente Lukashenko, anche proprio a beneficio di questa impresa, ha cambiato i confini amministrativi di Minsk, tagliando quasi un ettaro e mezzo di terra dalla capitale. La fabbrica è stata messa proprio lì.

Il fatto è che il proprietario di questa attività, Aliaksei Aleksin, non è estraneo a Lukashenko. Egli ha lavorato per la società Belvneshtorginvest, che faceva parte dell’Ufficio del presidente della Bielorussia. Poi ha supervisionato il commercio dei prodotti petroliferi nel gruppo di società Triple dell’uomo d’affari Yury Chyzh. Nel 2012 l’Unione Europea ha imposto delle sanzioni contro Chyzh, considerato il «portafoglio di Lukashenko». Due anni prima delle sanzioni, tutti i beni petroliferi di Chyzh sono stati trasferiti ad Aleksin.

Aliaksei Aleksin
Aliaksei Aleksin.
Source: Dzmitry Brushko, TUT.BY

Ora le attività di Aleksin includono Energo-Oil, MTBank, il complesso alberghiero e ristorante Siabry, lo stabilimento di prodotti a base di carne Veles-Meat, l’operatore nazionale del sistema di monitoraggio del traffico di transito Belneftegaz. L’uomo d’affari aiuta i motociclisti bielorussi, in particolare il principale motociclista del Paese, Viktar, il figlio di Lukashenko. Quest’ultimo, nel 2012, insieme al figlio dell’allora Procuratore generale della Russia Artem Chaika, ha creato un club motociclistico d’élite chiamato Iron Birds Chapter. L’Iron Birds Chapter organizza dei raduni di motociclisti in Russia e Bielorussia e la società Moto Event, di proprietà del russo Alexander Kitaev e del bielorusso Dzmitry Paulovich, funge regolarmente da co-organizzatore. Paulovich è il direttore di Energo-Oil, dipendente di Aleksin.

The son of the Prosecutor General of Russia Artem Chaika and Aliaksei Aleksin
Il figlio del procuratore generale della Russia Artem Chaika e Aliaksei Aleksin nel maggio 2019 all’apertura della stagione motociclistica a Voronezh, alla quale hanno partecipato anche Lukashenko e suo figlio.
Source: RIA

Aleksin è così vicino alla famiglia di Lukashenko che nel marzo 2020 è stato individuato dal canale Telegram Nekhta a bordo di un business jet Gulfstream G550, che stava portando Viktar Lukashenko da Abu Dhabi a Minsk. Il business jet aveva una registrazione austriaca: era registrato presso la società Eolinus Beteiligungsverwaltungs GmbH, che è associata a un altro influente uomo d’affari bielorusso: Mikalai Varabei, partner di Aleksin.

I vantaggi di Aleksin nell’industria del tabacco sono enormi. Il fatto è che nel 2017, il presidente Lukashenko ha incaricato di creare una «rete unica di distribuzione di merci» nel settore del tabacco: ciò significa che le sigarette di due fabbriche di tabacco del Paese hanno iniziato a essere vendute attraverso Aleksin, e nel 2020 gli è stato dato il 40% del mercato nazionale. È stato con la sua compagnia «Energo-Oil» che è stato concluso un accordo di investimento, in base al quale la compagnia di Aleksin riceveva in locazione le bancarelle Tabak di proprietà statale (circa 900) e le è stato dato il diritto di installare le proprie postazioni Tabakerka in tutto il Paese.

Un anno dopo, nell’estate del 2018, Energo-Oil ha ottenuto il diritto di importare e commerciare le sigarette straniere. L’azienda ha importato e ora produce su licenza per L&M, Parliament, Marlboro. Considerando che la produzione interna di prodotti del tabacco in Bielorussia è molte volte superiore alla domanda interna, anche le sigarette importate possono arrivare in Russia.

Infine, è importante capire che è Aleksin che, oltre a tutto il resto, controlla anche il movimento di tutte le merci in transito in Bielorussia. Il fatto è che «per contrastare il contrabbando», per ordine di Lukashenko, in Bielorussia è stato creato un sistema di monitoraggio del traffico in transito, che monitora in tempo reale il movimento dei camion verso la loro destinazione. Sulle vetture è posto un sigillo elettronico, che è collegato ai sistemi di navigazione e integrato con la banca dati delle autorità doganali. L’operatore nazionale del sistema è Belneftegaz, una società controllata da Aleksin. Questo sistema elettronico ha elaborato una società controllata sempre da Aleksin.

Aleksin ha rifiutato di commentare questa storia.

Come la Bielorussia ha conquistato il mercato russo dei fiori

C’è un’altra industria che renderà chiaro come l’entourage del presidente Lukashenko trae vantaggio delle forniture alla Russia. Sorprendentemente, la Bielorussia è da diversi anni il principale fornitore di fiori freschi in Russia. Negli ultimi cinque anni, la Bielorussia ha aumentato la fornitura di fiori recisi alla Russia di più di cento volte e ha superato i leader mondiali in questo campo: Paesi Bassi, Ecuador e Colombia. Ora quasi un fiore su due acquistato in Russia proviene dalla Bielorussia.

Rizhsky market in Moscow
Mercato Rizhskij a Mosca.
Source: proekt.media

La rapida crescita delle forniture dalla Bielorussia ha coinciso con le restrizioni imposte in Russia all’importazione di fiori dai Paesi Bassi e dalla Turchia nel 2015-2016, ma questa non è l’unica ragione del boom dei fiori «bielorussi». Il fatto è che è vantaggioso importare i fiori in Russia a causa delle peculiarità della tassazione.

Con il decreto di Lukashenko, i riesportatori bielorussi sono esentati dal pagamento dell’IVA quando importano le merci dall’estero e quando forniscono fiori in Russia, dove l’IVA deve essere pagata, il costo delle merci è notevolmente svalutato.

Se esaminiamo le statistiche di Belstat sull’offerta dei fiori, ad esempio, si scopre che la Bielorussia acquista i fiori a 32-36 centesimi l’uno, che corrisponde all’incirca ai prezzi mondiali, ma li vende alla Russia a 8-12 centesimi l’uno. Questo schema fa risparmiare sulle tasse: fino a diecimila dollari su un camion. Di conseguenza, un fiore bielorusso costa circa il 20-30% in meno rispetto ai concorrenti che li forniscono direttamente alla Russia.

Nel 2019, la Bielorussia ha importato quasi 900 milioni di fiori. Ed ha esportato circa la stessa quantità in Russia.

In 2019, Belarus imported almost 900 million flowers
Verde: importazione in Bielorussia, rosso: esportazione in Russia, milione di pezzi.
Source: proekt.media

I floricoltori russi affermano che le forniture bielorusse stanno uccidendo i loro affari: nel Paese non si costruiscono quasi più nuove serre, gli investimenti in vecchie aziende di fiori si sono fermati, il Paese sta perdendo 6-8 miliardi di rubli all’anno.

Come nel caso del tabacco, i principali acquirenti di fiori in Russia sono piccole imprese o singoli imprenditori. Un corrsipondente di Proekt, sotto le spoglie di un acquirente, ha chiamato le più grandi società all’ingrosso: gli operatori delle società Seven Flowers, Floreksim, Euroflor, Fiori da Macheliuk hanno ammesso di portare le proprie merci attraverso la Bielorussia e non ci sono altre opzioni ora. Al mercato Rizhskij, il principale mercato dei fiori di Mosca, sono impegnati nel commercio di semi all’ingrosso: tra gli acquirenti ci sono principalmente i rivenditori che vendono i fiori nelle zone residenziali. Il giornalista di Proekt ha intervistato i venditori di Rizhskij, e molti di loro hanno ammesso inoltre che le merci provengono dalla Bielorussia, ma non sapevano esattamente come attraversino il confine.

Un dipendente di una delle più grandi società di trasporto, che trasporta i fiori recisi per i grossisti russi, ha detto che l’azienda li riceve attraverso le bielorusse «Beltamozhservice» e «Globalalkastom»: «Nessuno cambierà questo schema, costa tre volte di più portare direttamente dall’Ecuador».

Chi guadagna con i fiori in Bielorussia

Se studiamo l’elenco dei fornitori bielorussi di fiori recisi, tre società sono in testa: Globalalkastom, Logeks e Gaz Venture. L’elenco include anche l’operatore logistico statale Beltamozhservice.

Tutte queste società sono strettamente associate alla leadership del Paese. «Nessuno può entrare in questo mercato così. Semplicemente non gli sarà permesso di farlo» spiega il manager di una delle aziende di fiori in Bielorussia.

Globalalkastom è stata creata nel 2015, i suoi comproprietari erano allora tali Hanna Pushkarova e Hanna Khmialeuskaya. È ormai chiaro da tempo che queste società godono di un patrocinio speciale da parte delle autorità bielorusse. «Nel 2017, in Russia è stato fermato un camion, secondo i documenti trasportava del tessuto, ma in realtà si trattava di abbigliamento di marca» ha comunicato Belsat. Mosca ha chiesto a Minsk di far chiarezza. In Bielorussia è iniziato un processo. Durante il processo, si èscoperto che il proprietario del carico era la società Globalalkastom, che aveva acquistato la merce, l’aveva sdoganata in Bielorussia, beneficiando di pagamenti doganali ridotti e aveva inviato le merci in vendita a Mosca alla propria filiale. Tuttavia, con tutto ciò, la corte ha rifiutato di dichiarare Globalalkastom come imputato, soddisfatta della spiegazione della società secondo la quale avevano molti carichi e si erano semplicemente dimenticati di controllare alcuni camion. Di conseguenza, sono stati condannati l’autista e il proprietario del camion, che era stato arrestato.

La comproprietaria originale di Globalalkastom, Hanna Pushkarova, è una conoscente dell’assistente di Lukashenko per incarichi speciali, il suo socio di lunga data e capo del Dipartimento degli affari del presidente Viktar Sheiman.

Alexander Lukashenko and Viktar Sheiman
Aleksandr Lukashenko e Viktar Sheiman.
Source: proekt.media

Ora le persone giuridiche associate a Globalalkastom, secondo i documenti, sono Yauhen Zhounar e Aliaksandr Ramanouski. Quest’ultimo è un partner commerciale di Dzmitry Pabiarzhyn, ex addetto stampa del KGB bielorusso. Tuttavia, Globalalkastom è ancora associato a Sheiman e nel modo più ovvio. «Globalalkastom-management» possiede il 75% della società mineraria «Belgeopoisk» e il restante 25% appartiene alla società «Belzarubezhtorg» del Dipartimento degli Affari del presidente. I punti di sdoganamento di Globalalkastom si trovano nel parco industriale Great Stone, nei centri logistici Beltamozhservice e Ozertso-Logistics gestiti dal Dipartimento degli Affari del presidente. E Sheiman ha aperto personalmente l’ufficio doganale di Globalalkastom in Great Stone.

Perché il Dipartimento degli Affari del presidente della Bielorussia è impegnato negli affari

Il Dipartimento degli Affari del presidente (DAP) della Bielorussia è un organo della pubblica amministrazione responsabile personalmente ad Aleksandr Lukashenko. È stato fondato nel 1994. Per 25 anni, questa impresa è passata da una piccola suddivisione impegnata nel supporto materiale, tecnico e sociale delle massime autorità a una grande holding diversificata.

La struttura del DAP comprende più di 100 organizzazioni in Bielorussia e all’estero. Gestisce quattro parchi nazionali (Belavezhskaya Pushcha, Narachanski, Prypiatski, Laghi di Braslav) e la Riserva della Biosfera Berezinski, sanatori in Bielorussia, Caucaso, Crimea e Stati baltici, i complessi alberghieri della capitale President Hotel, Minsk, Planeta, Yubileinaya, aziende agroindustriali, di costruzioni, di trasporto, commerciali. Circa 400 edifici amministrativi e pubblici sono in gestione operativa. Le entrate delle imprese del DAP per il 2020 ammontavano a 2,6 miliardi di rubli bielorussi (oltre 1 miliardo di dollari).

Ricevendo i privilegi dalle autorità per l’importazione di merci, le aziende controllate dal DAP le esportarono liberamente oltre il confine con la Russia. Ad esempio, a metà degli anni ’90 Lukashenko ordinò di concedere loro dei vantaggi fiscali, esentandoli dal pagamento delle tasse, apparentemente per fornire beni alla popolazione alla vigilia di capodanno. In realtà, tutto è andato in vendita in Russia. Di conseguenza, il denaro è stato ritirato dal bilancio e il ricavato della vendita in Russia è andato sul conto del Dipartimento degli Affari del presidente. All’inizio degli anni 2000, una nuova area di attività per DAP era il commercio di merci confiscate: merci di altri Paesi sequestrate alla frontiera dalla dogana bielorussa. Nel 2003, tali beni sono stati sequestrati per 250 milioni di dollari.

Il secondo importante fornitore di fiori, Logeks, è associato all’uomo d’affari Aliaksandr Shakutsin e suo figlio Aliaksandr Shakutsin Jr. La famiglia Shakutsin è eccezionalmente fedele a Lukashenko. Shakutsin Sr. è stato uno dei pochi uomini d’affari presenti all’inaugurazione segreta del presidente bielorusso al culmine delle proteste del 2020. L’anno scorso, l’UE ha imposto delle sanzioni contro Shakutsin.

Alexander Lukashenko and Aliaksandr Shakutsin Sr
Aleksandr Lukashenko e Aliaksandr Shakutsin Sr.
Source: press service of the President of Belarus

Il terzo fornitore, «Gaz Venture», è associato all’operatore logistico «Bremino Group». L’azienda sta realizzando un grande complesso logistico al confine con la Russia con dei terminal stradali, ferroviari e aerei. L’azienda prevede di creare un commercio di fiori. Lukashenko ha ordinato personalmente di creare una zona economica speciale nella provincia di Orsha (Bremino Orsha) per il complesso logistico «Bremino Group», che è essenzialmente un offshore fiscale. Il Bremino Group su base paritaria appartiene allo stesso Aliaksei Aleksin e ai suoi soci di lunga data Mikalai Varabei e Aliaksandr Zaitsau, anch’essi personalmente legati alla famiglia Lukashenko.

Zaitsau è un ex funzionario che ha lavorato come assistente di Viktar Lukashenko. Gli interessi commerciali di Varabei sono concentrati principalmente nell’industria petrolifera. La Nuova Compagnia Petrolifera, da lui controllata, è recentemente diventata, su decisione delle autorità, un esportatore speciale di prodotti petroliferi bielorussi, seguendo lo stesso schema con cui Aleksin ha ricevuto l’esportazione di sigarette. Varabei è stato anche soggetto alle sanzioni dell’UE per aver sostenuto il regime di Lukashenko.