2021-05-07
7 maggio 2021, 05:00 | Dzmitry Wasserman*, Sydsvenskan
Source: Sydsvenskan

Ogni anno, l’8 e 9 maggio, la maggior parte dei Paesi europei celebra l’anniversario della fine della guerra in Europa e l’inizio della tanto attesa pace. Allo stesso tempo, Bielorussia e Russia celebrano la Giornata della Vittoria. La differenza può sembrare piccola a prima vista, ma è molto più grande di quanto sembri. Se si ascolta la propaganda di Lukashenko e Putin, nel 1945 non ci fu la pace in Europa, ma una tregua, e Bielorussia e Russia continuano a lottare contro gli eredi di Hitler, il cui ruolo sarebbe ricoperto da nuovi Paesi o gruppi, a seconda della situazione politica.

In epoca sovietica, fu creata una teoria secondo la quale ogni desiderio di indipendenza nazionale dei Paesi europei poteva essere associato al nazismo. Stalin promise ai popoli d’Europa un crogiolo comunista: tutti sotto la bandiera rossa, tutti nell’Unione Sovietica, che era «unita per sempre dalla Grande Russia» (parole dell’inno dell’Unione Sovietica).

Lo scenario dell’espansione europea di Hitler sembrava diverso: le nazioni europee dovevano diventare vassalle della Germania, pur mantenendo i loro simboli nazionali e l’identità nazionale. In quanto sostenitore della «purezza razziale», Hitler non voleva mischiare i popoli schiavizzati. 

La propaganda sovietica creò una falsa dualità tra le due alternative: tutti quelli che non volevano entrare nel crogiolo sovietico erano nazionalisti (come Hitler), volevano usare simboli nazionali (come sotto l’occupazione nazista), erano nemici dell’URSS e, quindi, alleati dei nazisti.

Paradossalmente, la retorica sovietica usava il termine «fascisti» per riferirsi ai nazisti, perché Stalin, che flirtò con i sentimenti nazionali dei popoli europei dopo l’attacco della Germania all’URSS, dichiarò che Hitler non era un nazionalista, poiché era un imperialista. Dopo la guerra, Hitler fu nuovamente dichiarato nazionalista, ma il termine fascismo aveva ormai messo radici.

A seconda della situazione politica, i membri della resistenza antisovietica nei Paesi occupati, i combattenti per la democrazia nell’Europa orientale o i governi dei Paesi dell’Europa occidentale furono dichiarati «fascisti» (o «nazisti»). Alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, la retorica antifascista fu usata contro il movimento indipendentista dei Paesi Baltici. Dopo il rovesciamento del regime filo-russo in Ucraina, gli ucraini sono diventati gli eredi dei fascisti nella propaganda russa.

In Bielorussia, il regime di Lukashenko ha dichiarato fascista la bandiera nazionale bianco-rosso-bianca, che era quella statale prima dell’istituzione della dittatura ed è diventata un simbolo del movimento democratico. Ciò non è stato impedito nemmeno dal fatto che il creatore della bandiera, Claudius Duzh-Dushevsky, fu un prigioniero del campo di concentramento nazista di Kovno per essersi rifiutato di collaborare con i nazisti e aver nascosto gli ebrei. Nella retorica della propaganda di Lukashenko, l’opposizione democratica che chiede libere elezioni «sta marciando sotto le bandiere naziste». Inoltre, con il deterioramento dei rapporti con la Polonia, i polacchi sono stati dichiarati eredi dei nazisti. Ora i leader dei polacchi bielorussi sono in prigione per «aver giustificato il genocidio del popolo bielorusso», organizzando una mostra dedicata alle attività della resistenza anticomunista del dopoguerra

Mentre la propaganda continua ad affermare che i nazisti sono tutti nazionalisti contrari all’URSS, ci sono sempre più voci in Bielorussia e Russia che Hitler, prima di attaccare l’URSS, non fosse un governante così cattivo. All’inizio della sua carriera politica, il dittatore della Bielorussia Lukashenko dichiarò:

Non tutte le cose brutte in Germania erano associate al famoso Adolf Hitler. L’ordine tedesco si è formato nei secoli, e sotto Hitler questa formazione ha raggiunto il suo punto più alto. Questo è ciò che corrisponde alla nostra comprensione della repubblica presidenziale e del ruolo del presidente in essa.

Nel febbraio di quest’anno, sul canale statale bielorusso STV (dove, ovviamente, non si può pronunciare una parola senza l’approvazione del regime), il blogger Aliaksandr Holikau ha parlato delle atrocità dei nazisti e delle esecuzioni di civili e ha tratto la seguente conclusione: «Sono un sostenitore delle misure di forza impopolari e antidemocratici per mantenere l’ordine… Solo la disciplina ferrea ci permetterà di creare la nostra Mercedes tedesca in Bielorussia… Creeremo la nostra Germania con i suoi standard».

In Russia, uno dei principali propagandisti del Cremlino, Vladimir Solovyov, ha girato un film panegirico su Benito Mussolini, trasmesso dal canale televisivo statale «Russia». In una recensione del film, Igor Molotov, un dipendente di un altro canale televisivo statale «Russia Today», ha scritto: «Mussolini era un uomo brillante, ha dato al mondo una terza strada, che, in parte, la Russia sta percorrendo oggi». E nel febbraio di quest’anno, alla televisione statale, lo stesso Solovyov ha elogiato il coraggio di Adolf Hitler, e ha subito dichiarato il leader dell’opposizione incarcerato, Alexei Navalny, un nazista, vigliacco e indegno del suo maestro. 

Ogni anno le parate di vittoria del 9 maggio a Minsk e a Mosca diventano sempre più sfarzose, la retorica «antifascista» diventa più isterica, le leggi contro la «riabilitazione del nazismo» sono sempre più repressive. In Russia, sempre più spesso si possono vedere gli adesivi «Per Berlino» e «1941-1945: possiamo ripetere» sulle auto. 

I regimi dittatoriali preparano coloro che sono ancora suscettibili alla propaganda, alla guerra contro coloro che sono stati dichiarati eredi dei fascisti: democratici, oppositori e vicini indisciplinati.


*Dmitry Wasserman è un volontario presso l’Ambasciata popolare bielorussa in Svezia. La rete delle ambasciate popolari bielorusse è stata creata dalla diaspora bielorussa per proteggere gli interessi dei bielorussi dopo che la dittatura di Lukashenko ha perso la sua legittimità a causa della palese falsificazione delle elezioni presidenziali il 9 agosto 2020.