2021-05-21

Un prigioniero politico è morto in una prigione bielorussa; perché le autorità perseguitano TUT.BY; 37 Stati partecipanti all’OSCE hanno rilasciato una dichiarazione sulla Bielorussia

21 maggio 2021 | Voice of Belarus
Vitold Ashurok.
Source: NN.BY

Un prigioniero politico è morto in una prigione bielorussa

Il prigioniero politico Vitold Ashurok è morto nella prigione di Shklou. La causa preliminare di morte è arresto cardiaco. Durante le ultime due settimane non ci sono state lettere da parte sua. In una delle sue ultime lettere, ha scritto che nella prigione cuciono etichette gialle sugli abiti dei prigionieri politici.

Vitold Ashurok aveva 50 anni. Membro del Fronte popolare bielorusso, coordinatore regionale del movimento «Per la libertà». Si era candidato a deputato locale e al parlamento più di una volta. Aveva sollevato problemi ambientali. Insieme ai suoi compagni d’armi, aveva onorato i luoghi degli insorti di Kalinouski. Nel gennaio 2021 era stato condannato a cinque anni di prigione. Era stato ritenuto colpevole di aver partecipato ad azioni di gruppo che violano gravemente l’ordine pubblico (c. 1 dell’art. 342 del CP) e violenza contro un agente di polizia (art. 364 del CP). Il processo si era svolto a porte chiuse.Non ho ucciso nessuno, non ho ingannato nessuno, non ho rubato niente. Ho fatto ciò che la mia coscienza richiedeva», ricordano le parole di Vitold i suoi amici.

Evasione fiscale o natura politica? Perché le autorità perseguitano TUT.BY

Source: Deutsche Welle 

Tre giorni dopo l’arresto dei dipendenti di TUT.BY è stato reso noto che gli imputati sono sospettati e saranno tenuti in custodia nel centro di detenzione preventiva n. 1 in via Valadarskaha. Di cosa siano accusati non è noto, ma in precedenza le autorità avevano affermato che il portale era sospettato di «evasione fiscale» (c. 2 dell’art. 243 del Codice penale della Repubblica di Belarus). Tra gli indagati ci sono la direttrice capo Maryna Zolatava, la direttrice Volha Loika, la giornalista Alena Taukachova che non aveva nulla a che fare con le attività finanziarie ed economiche di TUT.BY. Anche Angela Assad, il capo contabile di «Tutbay Media Srl», è stata arrestata. I parenti non sanno esattamente dove si trova e dove sarà detenuta. Il direttore di RocketData Darya Danilava è stata accusata ai sensi dell’art. 243 del CP (evasione fiscale). Si trova nel centro di detenzione preventiva del KGB.

Sebbene, secondo le autorità, il caso contro TUT.by sia di natura economica, nessuno dubita che si tratti di persecuzione politica da parte delle autorità. 

Tatsiana Niamkevich di Minsk è stata condannata a 15 giorni di arresto per aver voluto esprimere la propria solidarietà alla redazione di TUT.BY ed è uscita in strada con un poster il 20 maggio. Al processo, un testimone della polizia ha affermato che «Il sito web TUT.BY è di natura politica diretta», quindi Niamkevich ha espresso le proprie convinzioni politiche.

Condanne a Brest: da tre a cinque anni di carcere

Source: Viasna Human Rights Centre

A Brest la corte ha dichiarato colpevoli e ha condannato 13 persone a pene che vanno dai tre ai cinque anni di carcere. Sono stati accusati di partecipazione a rivolte di massa, accompagnata da violenze contro le forze dell’ordine, pogrom, distruzione di proprietà, durante il 10 agosto 2020, per le strade del capoluogo della regione (c. 2 dell’articolo 293 del Codice penale).

Tra i condannati ci sono minorenni. Sono stati condannati a 3 anni in un riformatorio giudiziario e presi in custodia in aula.

La maggior parte dei detenuti non ha ammesso la propria colpevolezza.

A Brest, il 10 agosto 2020, durante la dispersione delle proteste, le forze dell’ordine hanno sparato proiettili di gomma contro le persone. Durante la giornata, circa 100 persone si sono rivolte all’ospedale per chiedere aiuto, di cui 29 sono state ricoverate, la maggior parte con ferite da arma da fuoco.

37 Stati partecipanti all’OSCE hanno rilasciato una dichiarazione sulla Bielorussia

Source: Charter97.org

Il rappresentante danese presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, Rene Dinessen, ha comunicato la dichiarazione dei 37 Stati partecipanti all’OSCE sulla situazione in Bielorussia. La dichiarazione ha segnalato che sette mesi dopo la pubblicazione del meccanismo OSCE di Mosca in Bielorussia le violazioni e abusi sistemici rimangono invariati.

I firmatari si rivolgono al regime di Lukashenko con le seguenti domande:

  • Quando le autorità bielorusse indagheranno sulle segnalazioni di massicce violazioni dei diritti umani, comprese le segnalazioni di tortura, maltrattamenti, violenza sessuale, sparizioni e omicidi da parte delle forze dell’ordine?
  • Quando le autorità bielorusse avvieranno i procedimenti penali contro i colpevoli di violazioni e violazioni dei diritti umani, anche contro le forze dell’ordine bielorusse?
  • Quando le autorità bielorusse proteggeranno le vittime e i testimoni che si sono espressi coraggiosamente e hanno denunciato violazioni dei diritti umani?

La dichiarazione è stata firmata da Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Canada, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Montenegro, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ucraina, Regno Unito, Stati Uniti e Danimarca.

La Russia, vicina alla Bielorussia, non è tra i firmatari.

L’ambasciatore della Bielorussia in Germania è stato convocato al ministero degli Esteri tedesco

Source: Bild.de 

L’ambasciatore della Bielorussia in Germania, Dzianis Sidarenka, è stato convocato presso il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Federale di Germania dopo la lettera del capo della Gestione anticrisi, Pavel Latushko, al segretario di Stato del Ministero degli Esteri tedesco, Miguel Berger, con la richiesta di esprimere una posizione ufficiale sulla dichiarazione del viceministro degli affari interni della Repubblica di Belarus, Karpiankou. Egli, per ricordarlo, ha dichiarato che nessuno avrebbe combattuto l’opposizione nel quadro della legge, ha paragonato l’opposizione ai terroristi internazionali e ha promesso di distruggerli ovunque si trovino.

La Germania sarà fermamente al fianco dei bielorussi che lottano per la democrazia, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, ha sottolineato la Berlino ufficiale.

La Bielorussia va verso un inasprimento dei rapporti con l’Occidente. Questa è l’opinione del ministero degli Esteri polacco

Source: Telegra.ph

Il Ministero degli Esteri polacco ha richiesto al ministero degli Esteri bielorusso una spiegazione sulle dichiarazioni del procuratore generale Andrei Shved sui criminali polacchi e lituani nazisti ancora in vita che hanno preso parte alle azioni dei battaglioni punitivi durante la guerra sul territorio della Bielorussia. Il ministero degli Esteri polacco ritiene che la Bielorussia aggraverà le relazioni con la Polonia e l’Occidente per formare l’immagine di un nemico esterno.