2021-05-28
27 maggio 2021, 18:17 | BELSAT
Proteste a Minsk. 9 agosto 2020.
Source: BELSAT

Belsat.eu fornisce i nomi di coloro la cui morte è dovuta alla repressione delle proteste post-elettorali in Bielorussia.

Ci sono almeno 15 nomi in questa triste lista.

Aliaksandr Taraikouski, 34 anni, partecipante alle proteste. È stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da agenti delle forze dell’ordine vicino alla stazione della metropolitana Pushkinskaya a Minsk il 10 agosto.

Henadz Shutau, 44 anni, partecipante alle proteste. È stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da un ufficiale dell’esercito in borghese Raman Haurylau l’11 agosto a Brest.

Mikita Kryutsou, 29 anni, partecipante alle proteste. L’11 agosto è scomparso mentre andava a Minsk per lavoro, il 22 agosto è stato trovato impiccato.

Aliaksandr Budnitski, 53 anni. È scomparso a Minsk l’11 agosto, la sua morte è stata segnalata il 31 agosto. Secondo la versione ufficiale, è morto per avvelenamento da alcol il 12 agosto.

Aliaksandr Vikhor, 25 anni. È morto il 12 agosto dopo essere stato arrestato dalle forze dell’ordine a Homel.

Henadz Kisel. 50 anni. Il 12 agosto è stato ucciso dalla guardia del KGB Leanid Shtaida, che lo ha pugnalato al collo con delle forbici.

Kanstantsin Shyshmakou, 29 anni, membro della commissione elettorale a Vaukavysk. È noto come uno che si era rifiutato di firmare il protocollo ufficiale. Il 15 agosto non è tornato a casa dopo il lavoro. Il 18 agosto è stato trovato morto; secondo le autorità bielorusse si è suicidato.

Artsiom Parukou, 19 anni, partecipante alle proteste. Il 16 agosto è stato investito da una macchina sul corso Partyzanski a Minsk.

Stanislau Chur, 31 anni, partecipante alle proteste. Il 19 agosto si è impiccato nei locali dello stabilimento di ingegneria elettrica di Minsk, dove lavorava.

Siarhei Radchenia, 36 anni. Il 18 settembre si è dato fuoco sotto il portico del dipartimento di polizia nella città di Smaliavichy. È deceduto il 25 settembre.

Dzianis Kuzniatsou, 41 anni. Il 29 settembre è stato portato all’ospedale di pronto soccorso dal centro di detenzione in via Akrestina a Minsk. Il paziente aveva numerose lesioni e un trauma craniocerebrale aperto; è morto il 3 ottobre in ospedale.

Raman Bandarenka, 31 anni. L’11 novembre è stato picchiato e rapito dalla Piazza dei Cambiamenti di Minsk da persone in borghese che stavano tagliando nastri bianco-rosso-bianchi nel cortile del palazzo. Poi Bandarenka è stato portato all’unità di neurochirurgia dal dipartimento di polizia del distretto Tsentralny dove ha trascorso circa due ore. Il 12 novembre l’uomo è entrato in coma ed è morto per gravi ferite alla testa.

Siarhei Shchatsinka, 57 anni. È stato arrestato il 12 novembre nella città di Asipovichy e poi condannato a 10 giorni di carcere. Secondo la sua famiglia, ha contratto il COVID-19 in prigione ed è morto l’11 dicembre.

Vitold Ashurak, 50 anni, partecipante alle proteste. È stato arrestato il 19 settembre. A gennaio è stato condannato a cinque anni di reclusione. Il 21 maggio, le autorità hanno informato i parenti della sua morte presumibilmente attribuita a un arresto cardiaco.

Dzmitry Stakhouski, 18 anni. È stato accusato di aver partecipato a «proteste di massa» ad agosto. Il 25 maggio si è suicidato; nella sua nota ha incolpato il comitato inquirente bielorusso; i suoi ufficiali avrebbero esercitato pressioni su di lui.